La mistica di Ana tra blog e Whatsapp

La fidelizzazione ad Ana e ai suoi rituali fatti di diete che puntano a raggiungere il traguardo di calorie-zero,  corre lungo i fili invisibili della rete internet  dove rimbalzando da un utente all’altro si alimenta una mistica del controllo del proprio corpo che solo attraverso l’adorazione di questa sorta di divinità si può raggiungere.

Tra le piattaforme che offrono gratuitamente spazio per i blog, le pagine Facebook e i gruppi segreti di Whatsapp, la comunicazione digitale di adolescenti e giovani adulti  non incontra nè filtri nè barriere particolarmente difficili da superare.

COME DIVENTARE PRO-ANA A DIECI ANNI

Il mare aperto è rappresentato dai blog. Tutti li possono visitare anche quei bambini che a dieci anni già viaggiano tranquillamente su internet. La navigazione su Facebook ha solo un piccolo ostacolo, per visitare le pagine devi registrarti e in qualche raro caso essere autorizzato all’accesso. Un gioco, appunto, da ragazzi che solo in Italia riguarda poco meno di due milioni di minorenni che facendo parte di una comunità globale prossima ai due miliardi di aderenti, ogni giorno possono venire a contatto con pagine che propugnano l’ideale del “corpo pelle e ossa” corredato da foto, filmati, grafici e tabelle che inneggiano all’anoressia e insegnano tecniche auto-lesioniste per compensare pasti ritenuti troppo calorici.

L’IPOCRISIA DI FACEBOOK

Se qualcuno pensasse che Facebook così attenta a censurare il bambino vietnamita che fugge nudo dall’orrore di un bombardamento eserciti una qualche forma di controllo si sbaglia di grosso. Anche se se appositamente segnalate  agli amministratori di Facebook, queste pagine che inneggiano ad un autolesionismo molto pericoloso sia per il corpo che per la mente, continuano ad essere attive. In questo caso gli algoritmi censori di Facebook sanno bene come girarsi dall’altra parte. Perchè queste pagine attirando volumi di traffico molto alti,  hanno per Zuckenberg e soci un grande pregio, quello di innalzare il prezzo delle inserzioni pubblicitarie

Ma il buco più nero di tutti dove l’ideologia della magrezza spazia senza limiti è certamente Whatsapp dove gruppi di adolescenti e giovani adulti che si sono formati grazie ai blog Pro-Ana si danno appuntamento per scambiarsi informazioni al riparo da occhi e orecchie indiscrete.

UN BUCO NERO SU CUI RIFLETTERE

Si tratta di forme di comunicazione al confine tra la libera espressione di un pensiero e l’invito a perpetuare condotte che possono portare anche alla morte. Stanze virtuali dove nonostante il contenuto dei dialoghi e il rischio concreto di c0mportamenti emulatori è difficile immaginare anche l’intervento di polizia e magistratura ma su la cui esistenza sarebbe bene che si aprisse un dibattito

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *